Controllo delle esportazioni: finalmente, la tanto attesa “Licenza Zero”

In data 1 febbraio 2018 è entrato in vigore il nuovo decreto legislativo 15 dicembre 2017, n. 221 (il “Decreto“).

 

Il Decreto, al fine di armonizzare le procedure interne di controllo delle esportazioni con le sanzioni penali ed amministrative, ha abrogato le precedenti disposizioni di legge (D. Lgs. 9 aprile 2003, n. 96, D. Lgs. 12 gennaio 2007, n. 11 e D. Lgs. 14 maggio 2009, n. 64 ) ed ha introdotto uno statuto interno unico (riguardante le procedure di controllo delle esportazioni e le relative sanzioni penali/amministrative) da applicare a prodotti a “duplice uso“, a “merci che potrebbero essere utilizzate per la pena di morte, per la tortura o per altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti” e ad esportazioni verso Paesi e persone giuridiche/fisiche soggetti a regimi di embargo imposti dall’Unione Europea.

 

Il Decreto, nel confermare che gli esportatori possono continuare ad avvalersi delle autorizzazioni generali, globali ed individuali di esportazione italiane o dell’Unione Europea, ha in particolare introdotto la tanto attesa “Licenza Zero” (art. 8, comma 5 e 6).

 

La “Licenza Zero” allinea l’Italia agli altri Paesi membri dell’Unione Europea e dà agli esportatori la possibilità di richiedere ed ottenere dal Ministero dello Sviluppo Economico, a determinate condizioni ed entro 180 giorni, una sorta di “luce verde” preventiva come dichiarazione formale di libera esportabilità tramite cui il Ministero riconosce, sulla base delle informazioni fornite dall’esportatore e su quelle possibilmente raccolte d’ufficio dall’Autorità stessa, che i prodotti interessati non sono soggetti alle restrizioni applicabili alle esportazioni.

 

Benché i passi da compiere per ottenere concretamente tale autorizzazione non sono stati ancora resi noti, ci si aspetta una impennata nei prossimi mesi delle richieste per l’ottenimento delle Licenze Zero rilasciate dal Ministero che rivelerà in tempi brevi l’effettiva efficacia o meno di tale strumento.

Lascia un commento